DA 20 ANNI AVVOCATI PER PASSIONE!

Chiamaci allo:

02.98233402

Articoli Codice Civile Successione

Art. 548.

((Riserva a favore del coniuge separato.))

((Il coniuge cui non e’ stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato, ai sensi del secondo comma dell’articolo 151, ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato.

Il coniuge cui e’ stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato ha diritto soltanto ad un assegno vitalizio se al momento dell’apertura della successione godeva degli alimenti a carico del coniuge deceduto. L’assegno e’ commisurato alle sostanze ereditarie e alla qualita’ e al numero degli eredi legittimi, e non e’ comunque di entita’ superiore a quella della prestazione alimentare goduta. La medesima disposizione si applica nel caso in cui la separazione sia stata addebitata ad entrambi i coniugi)).

Art. 571.

((Concorso di genitori o ascendenti con fratelli e sorelle.))

((Se coi genitori o con uno soltanto di essi concorrono fratelli e sorelle germani del defunto, tutti sono ammessi alla successione del medesimo per capi, purche’ in nessun caso la quota, in cui succedono i genitori o uno di essi, sia minore della meta’.

Se vi sono fratelli e sorelle unilaterali, ciascuno di essi consegue la meta’ della quota che consegue ciascuno dei germani o dei genitori, salva in ogni caso la quota della meta’ in favore di questi ultimi.

Se entrambi i genitori non possono o non vogliono venire alla successione e vi sono ulteriori ascendenti, a questi ultimi si devolve, nel modo determinato dall’articolo 569, la quota che sarebbe spettata a uno dei genitori in mancanza dell’altro)).

Art. 572.

(Successione di altri parenti).

Se alcuno muore senza lasciare prole, ne’ genitori, ne’ altri ascendenti, ne’ fratelli o sorelle o loro discendenti, la successione si apre a favore del parente o dei parenti prossimi, senza distinzione di linea.

La successione non ha luogo tra i parenti oltre il sesto grado.

Art. 585.

((Successione del coniuge separato.))

((Il coniuge cui non e’ stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato ha gli stessi diritti successori del coniuge non separato.

Nel caso in cui al coniuge sia stata addebitata la separazione con sentenza passata in giudicato, si applicano le disposizioni del secondo comma dell’articolo 548)).

Come Possiamo Aiutarti?

Problema dell’ultimo minuto? Contattaci! Nessun lavoro è troppo grande o troppo piccolo!